Orari delle Sante Messe a Gubbio
Clicca qui

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER per ricevere informazioni sui nostri prossimi incontri e sulle nostre attività
 
Previous page | 1 | Next page

VIETATO MOTU PROPRIO

Last Update: 11/27/2007 3:29 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 271
Location: GUBBIO
Age: 50
Gender: Female
11/26/2007 6:45 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote


Dal Novarese: tre sacerdoti si oppongono alla decisione del vescovo contro il latino

Sancito con il MP il "ritorno" del latino nella celebrazione della Messa, il vescovo di Novara invece di incentivarne lo studio HA EMANATO UNA DIRETTIVA CHE STABILISCE L'USO ESCLUSIVAMENTE DELLA LINGUA ITALIANA NELLA CELEBRAZIONE DELLA MESSA....ed ecco che tre coraggiosi sacerdoti della Diocesi si sono opposti rifiutando di dire Messa.....

E' accaduto a Nebbiola, nel Novarese, a Santa Maria Maggiore a Crevoladossola.....lo riporta la Prealpina del Lunedì - Lunedì 26.11.2007 -

Due parrocchie del Verbano Cusio Ossola, dove don Marco P., don Alberto S. e don Stefano C., da tempo, seguendo le indicazioni del MP del Santo Padre, celebrano con il Rito V.O. in comune accordo con un bel gruppo numeroso.

Tuttavia un altro gruppo di parrocchiani se ne è lamentato con il proprio vescovo mons. Corti il quale allora, senza neppure chiamare i tre sacerdoti, ha emanato immediatamente (venerdì scorso) una comunicazione ufficiale diffusa a mezzo stampa locale nelle chiese locali e nel bollettino diocesano nel quale tra l'altro si legge:
" A proposito del Vescovo Diocesano, il Papa afferma che è la guida, il promotore e il custode di tutta la vita liturgica. La comunione con il vescovo è indispensabile perchè ogni celebrazione sulk territorio sia legittima.
Perciò - prosegue il comunicato del vescovo citando ancora il Papa - a lui spetta salvaguardare la concorde unità delle celebrazioni nella sua diocesi (...) Sono in dovere, conclude il vescovo nel comunicato, di applicare queste disposizioni nel modo più pieno possibile e di chiedere ai sacerdoti di offrire il proprio contributo alla "concorde unità della celebrazione" eucaristica in Diocesi...."
Ma i tre sacerdoti non si sono arresi. Sabato mattina hanno prima informato dell'accaduto il vicario di zona avvisandolo poi che a causa del divieto disposto dal vescovo di non celebrare in latino non avrebbero celebrato le Messe nelle loro Parrocchie....
Naturalemente le celebrazioni hanno avuto luogo uguialmente con altri sacerdoti mandati dal vescovo anche se sono state disertate dalla maggior parte dei fedeli.....
E così a santa Maria Maggiore si è avviata una RACCOLTA DI FIRME davanti alla Chiesa per sostenere il parroco e gli altri due sacerdoti....

Così Domenica alle 18 i tre sacerdoti hanno celebrato la Messa in latino:
" Se non l'avessimo fatto - dicono i tre sacerdoti - dato che Domenica è giornata di precetto, sarebbe stato un peccato mortale. Noi continueremo a celebrarla in Rito VO perchè questo è stato dichiarato legittimo dal Santo Padre. Non abbiamo nulla contro il N.O. ma poichè la Messa Paolo VI è celebrata ovunque e nessuno ha nulla da ridire, ci sembra ridicolo che si mettano due Papi uno contro l'altro pr una Messa con due riti diversi come sostiene lo stesso Pontefice nel MP. E visto che SPONTANEAMENTE SI ERA RACCOLTO FRA LE DUE PARROCCHIE UN FOLTO GRUPPO, non abbiamo esistato a dare vita qui al desiderio stesso del Santo Padre. Ch cosa stiamo facendo di male? Noi non abbiamo disobbedito a nessuno! Chi vuole ha la Messa N.O. ma chi voleva il vecchio Rito non solo non lo poteva avere, ma ora è addirittura vietato con il documento di un vescovo.."

" Non credo si possa scegliere come dire Messa con la stessa facilità con cui si sceglie un chilo di pere al supermercato - dice don Alberto - per questo andremo avanti senza indugio, consapevoli di avere la ragione dalla nostra parte. Non abbiamo dato nessuno scandalo, tutto è stato fatto secondo le Norme del MP attraverso le quali il Papa lascia ai parroci la libertà di celebrare con il vecchio rito là dove è possibile farlo, mentre al vescovo lascia di risolvere i problemi che potrebbero crearsi, ma non ha detto di vietare la Messa in latino...."



Maria auxilium cristianorum, ora pro nobis

OFFLINE
Post: 419
Gender: Female
11/27/2007 3:29 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Articolo apparso su Tribuna Novarese di lunedì 26 novembre 2007

NOVARA
- Tanto tuonò che piovve, dice il detto popolare, ma sono nuvole nerissime quelle che si presentano all’orizzonte della Curia novarese.
“Siamo in piena battaglia - ci dice don Marco Pizzocchi - abbiamo deciso di non dire la messa festiva”.
In pratica i tre parroci “tridentini” hanno deciso di autosospendersi dalla celebrazione della messa festiva
che secondo quanto contenuto nella lettera del Vescovo di Novara deve essere celebrata secondo il messale di Paolo VI.
In parole povere don Alberto, don Marco e don Stefano sono entrati in sciopero.
“Abbiamo comunicato al Vescovo che non avremmo celebrato la messa di Paolo VI e la stessa cosa abbiamo fatto con il vicario di zona che è venuto a celebrare la messa a Garbagna e a Nibbiola”.
Quindi voi proseguite sulla vostra linea?
“Il comunicato stampa che è stato pubblicato da tutti i giornali ha suscitato clamore e la cosa più triste è che ci sono dei sacerdoti che ci hanno attaccato e messo alla berlina. Uno ci ha definito “testimoni di Geova” e un’altro ha detto che siamo degli “impallinati che vogliono impallinare anche i fedeli”. Ora chiediamo al Vescovo che prenda le nostre difese con un comunicato ufficiale”.
Come è andata domenica la messa celebrata secondo il rito di Paolo VI?
“Alcuni fedeli sono uscitidalla chiesa in segno di protesta”.
Molto peggio è andata a Vogogna dove domenica si sarebbe dovuto celebrare la festa patronale che di fatto non c’è stata per la protesta dei cittadini.
A Vogogna il parroco è don Alberto Secci che come don Marco si è autosospeso dalla celebrazione della messa secondo il rituale di Paolo VI, ma domenica per celebrare è andato il vicario di zona che ha trovato in chiesa solo tre donne delle quali una particolarmente vivace che in modo deciso ha denunciato che “si trova il tempo per andare a trovare Giuliana Sgrena, ma non si trova il tempo per venire a impartire la cresima”. Detto questo anche le tre donne si sono allontanate e a Vogogna dopo 500 anni non si è celebrata la festa patronale.
Un chiaro segnale di tempesta e di distanza tra il popolo dei fedeli e la curia novarese.
“L’aver reso pubblico il documento del Vescovo e che noi conoscevamo con tanto di cappello introduttivo ­ ci dice don Alberto Secci - è un chiaro segnale, ma visto che noi non giochiamo in quanto siamo dei parroci responsabili che non intendono scandalizare i fedeli, ci siamo autosospesi in maniera prudenziale dalla celebrazione della messa festiva. Ovviamente ognuno celebra la messa quotidiana, ma non vogliamo utilizzare il messale di Paolo VI”.
“La messa di San Pio V - dice don Marco Pizzocchi - ha gli stessi diritti della messa di Paolo VI. Anzi so che il Vescovo ha sulla sua scrivania 130 firme di persone che chiedono la messa secondo il rito tridentino. A questo punto si potrebbe, addirittura, pensare ad aprire una chiesa per il culto tridentino, ma credo che non sarà possibile”.
“Sappiamo che il Vescovo riceve moltissime pressioni
- ci dice don Alberto Secci - così come sappiamo che esisterebbe un documento dell’episcopato piemontese nel quale si dice che siano messi in minoranza quei sacerdoti che celebrano la messa di San Pio V”.
“Il Vescovo
- prosegue don Secci - ci ha detto che sulle questioni di fondo abbiamo ragione. Su suo consiglio abbiamo contattato monsignor Camille Perl, segretario della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, che ci ha detto che il Vescovo poteva condecerci l’esperimento triennale, suffragando le sue parole con il concetto che noi non siamo nella lettera del Motu Proprio ma nella mens. E che quindi e vi cito le parole di monsignor Perl ci poteva essere concesso l’esperimento triennale perché “il diritto segue la vita e non viceversa “”.
La questione a quel che possiamo vedere è molto complessa in quanto i tre parroci sono determinati nel perseguire il loro obiettivo che è quello di poter celebrare la messa secondo il rito di San Pio V suffragati
anche dal parere autorevole del segretario della commissione pontificia Camille Perl, mentre dall’altra ci sarebbe la curia novarese che fa di tutto per osteggiare questa volontà.
“Sono loro a porre un problema di fede e non noi ­ dice don Alberto - con una interpretazione riduttiva del Motu Proprio a cui fa contraltare una interpretazione ideologica del Vaticano II. Si fa sociologismo di bassa lega e a noi si dice di non celebrare la messa in latino, ma negli oratori, ormai, si parla solo l’arabo”.
Sono parole decise quelle di don Alberto, ma che rivelano anche una grande sofferenza per questo momento che forse non avrebbe mai voluto vivere.
Fino alla scorsa estate e alla promulgazione del Motu Proprio come faceva?
“Ho sempre reso un po’ tridentino il rito di Paolo VI con piccoli accorgimenti - dice don Alberto - con la recita del Padre nostro in latino e utilizzando anche altre formule dalla messa in latino e per questo sono stato anche richiamato. Una attenzione anche alla tradizione culturale dei fedeli: la montagna sta con la messa tridentina. Ma mi è stato detto che il mio stile celebrativo rompeva con lo stile degli altri parroci. Eppure non ho avuto mai nessun problema con i parroci dei paesi vicini, mentre qualche problema sembra che l’abbia qualcun altro con me”.
A questo punto il rischio per voi è alto e già in settimana potreste essere rimossi?
“E’ vero - dice don Marco Pizzocchi - ma come ho detto il cammino è iniziato e quindi in caso di rimozione ricorreremo a Roma e a quel punto sarà il Vaticano a doversi pronunciare”.
“Nella nostra diocesi non è mai successo che qualcuno fosse rimosso o sospeso eppure di cose ne sono successe e molte”.

Probabilmente, già domenica prossima don Alberto, don Marco e don Stefano potrebbero essere stati tolti dalle loro parrocchie e inviati a fare i “coadiutori” in qualche chiesa, possibilmente defilata, ma questa soluzione ormai non chiuderebbe il “problema” che è posto sulla piazza e non si tratta dell’essere pro o contro un modo di celebrare la messa, in quanto su questo il Motu Proprio è più che chiaro, ma della possibilità di concedere ai tre parroci di celebrare la messa secondo il rito che più rispecchia il loro senso della fede fosse anche solo “ad experimentum”.
Eugenio Di Maio

--------------- M I R ---------------
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:53 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com